Quadro zebra

Mercoledì, 21 Febbraio, 2018

rLe zebre sono state ridotte di numero dalla caccia e dalla perdita di habitat.

Le zebre sono Mammiferi erbivori, appartenenti, come il cavallo, alla famiglia degli Equidi. Distribuite nelle regioni orientali e meridionali dell'Africa, le zebre si distinguono marcatamente dagli altri membri della famiglia per le striature verticali, nere o brune-rossastre, alternate a bande chiare, bianche o giallastre, sui quarti anteriori, che spesso tendono all'orizzontale sui quarti posteriori dell'animale.

Le zebre erano e sono ancora cacciate per le loro pelli e per la carne. Sono anche in concorrenza con il bestiame per il foraggio. La zebra della montagna del Capo è stata cacciata fin quasi all'estinzione, con meno di 100 individui entro il 1930. Da allora la popolazione è aumentata a circa 700 individui a causa degli sforzi di conservazione. La sottospecie della zebra di montagna è attualmente protetta nei parchi nazionali, ma è ancora in pericolo. Anche la zebra di Grévy è in pericolo. La caccia e la concorrenza del bestiame ne hanno notevolmente ridotto la popolazione.

A causa della piccola dimensione della popolazione, i pericoli ambientali come per esempio la siccità, sono in grado di colpire l'intera specie. Le zebre piane sono molto più numerose e hanno una popolazione sana. Tuttavia, anch'esse sono state ridotte di numero dalla caccia e dalla perdita di habitat a favore dell'agricoltura. Una sottospecie, il quagga, è ora estinta.