Dipinto giraffa

Martedì, 27 Febbraio, 2018

tLa giraffa il mammifero dal collo lungo.

La giraffa è un mammifero africano al quale appartengono quattro specie è l'animale terrestre vivente più alto, nonché il ruminante di maggiori dimensioni.

Le sue caratteristiche principali più appariscenti sono il collo e le zampe estremamente lunghi, gli ossiconi simili a corna e la peculiare colorazione del manto. Le giraffe adulte possono raggiungere un'altezza di 5–6 m; i maschi sono più alti delle femmine. Il peso medio si aggira intorno ai 1200 kg nei maschi e agli 828 kg nelle femmine. A dispetto della lunghezza di collo e zampe, il corpo della giraffa è relativamente breve.

Il manto è ricoperto da chiazze o macchie scure (che possono essere color arancio, castano, marrone o quasi nero) separate da peli chiari (generalmente bianchi o color crema). Il manto dei maschi scurisce con l'età. e giraffe brucano i ramoscelli degli alberi, prediligendo quelli dei generi Acacia, Commiphora e Terminalia, che costituiscono importanti fonti di calcio e proteine utili per sostenere il tasso di crescita dell'animale. Si nutrono anche di arbusti, erba e frutti. Una giraffa consuma circa 34 kg di foglie al giorno.

Le giraffe sono state probabilmente un comune bersaglio per i cacciatori di ogni parte dell'Africa. Parti diverse del loro corpo venivano utilizzate per scopi differenti. La carne veniva mangiata. Con i peli della coda venivano fabbricati scacciamosche, braccialetti, collane e fili. Dalla pelle venivano ricavati scudi, sandali e tamburi, mentre i tendini erano utili come corde per gli strumenti musicali.

La giraffa è classificata come specie a rischio minimo dalla IUCN, in quanto è ancora numerosa. Tuttavia, la specie è scomparsa da molte zone del suo areale storico, quali l'Eritrea, la Guinea, la Mauritania e il Senegal. Probabilmente è scomparsa anche in Angola, Mali e Nigeria, ma è stata introdotta con successo in Ruanda e Swaziland. Due sottospecie, la giraffa dell'Africa occidentale e la giraffa di Rothschild, sono considerate in pericolo di estinzione, in quanto allo stato selvatico ne rimangono appena poche centinaia.